Diversi e speciali

 

Come dice la canzone diversi e speciali di Renato Giorgi e Paola Fontana

I bambini sono tutti un po’ speciali hanno un cuore leggero con le ali, c’è chi ha un’ esigenza differente non essere indifferente, specialità è ricchezza e unicità aiutarsi è normalità aiutarsi da felicità.

Concordo pienamente con gli autori di questa canzone perchè  anch’io sono  diversa e speciale ,infatti ho una disabilità motoria dalla nascita. Per esperienza posso affermare che quando si ha una disabilità si hanno esigenze differenti ma che se durante il proprio percorso di vita si trovano persone che non rimangono indifferenti alle esigenze di una persona speciale ma sono disposte ad accogliere la persona e ad aiutarla la persona speciale darà in cambio qualcosa di prezioso secondo le proprie possibilità. Durante il mio percorso di studi universitari ho avuto l’ opportunità di svolgere un tirocinio presso una cooperativa che si occupa di inserimento lavorativo di adulti disabili.

questa esperienza è stata molto significativa per me dal punto di vista formativo perchè mi ha permesso di vedere e sperimentare sul campo quello che avevo appreso teoricamente sui libri, ma mi ha arricchito tantissimo sul piano umano perchè mi ha permesso di confrontarmi con disabilità diverse dalla mia .

Mi ha colpito la serenità e la gioia con cui questi ragazzi mi hanno accolto facendomi sentire ” a casa”questo è stato possibile anche grazie alla grande professionalità degli educatori che mi hanno accolto come una di loro nonostante le mie difficoltà.

Posso dire per esperienza che per una persona speciale la prima cosa importante è quella di sentirsi accettata per quello che è e vedere che le persone sono disponibili ad aiutarla e a rispettarla così com’è .quello che ferisce una persona disabile è l’indifferenza e il pietismo perchè una persona speciale anche se per un normodotato può sembrare strano si rende pienamente conto di non essere come gli altri senza bisogno che nessuno lo ricordi.

Nella società odierna anche se si parla tanto di integrazione e di inclusione sociale i pregiudizi e le discriminazioni verso chi è diverso sono ancora troppe .

Come dice Giuseppe Pontiggia nel suo libro Nati due volte le persone disabili nascono due volte la prima impreparati al mondo e la seconda dipende dalle opportunità che l’ambiente in cui nascono e crescono gli offre.